01 mar 2010

Gli scrittori? una razza di guardoni

Gli scrittori tendono ad essere una razza di guardoni. Tendono ad appostarsi e a spiare. Sono osservatori nati. Sono spettatori. Sono quelli sulla metropolitana il cui sguardo indifferente ha qualcosa dentro che in un certo senso mette i brividi. Qualcosa di rapace. Questo è perché gli scrittori si nutrono delle situazioni della vita. Gli scrittori guardano gli altri esseri umani un po' come gli automobilisti che rallentano e restano a bocca aperta se vedono un incidente stradale: ci tengono molto a una concezione di se stessi come testimoni”.

(D.F. Wallace, Tennis, tv, trigonometria, tornado)
 Siamo tutti un po' voyeur?

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails